III F – La mia famiglia e l’amore per il viaggio, di Gianluca Del Prete

Nell’immaginario comune viaggiare vuol dire un po’ scappare, allontanarsi dalla routine quotidiana.

Ma non solo, secondo me viaggiare vuol dire conoscere posti nuovi, entrare in contatto con nuove civiltà, nuovi odori, nuovi sapori e nuovi modi di vivere.

Io sono sempre stato interessato alla conoscenza di nuove culture, che forse è una caratteristica particolare della mia famiglia, infatti i miei genitori hanno sempre avuto la passione per i viaggi e per la conoscenza di nuove culture.

I miei genitori Emmdelprete1anuele e Laura hanno visitato tanti posti del mondo e attraverso i loro racconti e attraverso la visione delle fotografie e dei filmati è come se anche io fossi stato un po’ in quei fantastici posti ed avessi viaggiato con loro!

In questa immagine troviamo mio padre durante il suo primo viaggio, in Tunisia, dove mangia a casa di un uomo conosciuto lì lungo la strada.

Rispetto a quello che semplicemente può emergere da questa foto, per me il suo significato è molto più profondo di quanto si possa pensare. Attraverso le numerose foto che i miei genitori mi hanno fatto vedere dei loro viaggi, posso capire e comprendere la mia fortuna. Io, all’età di 13 anni, ho già visitato tantissimi posti del mondo,  conosciuto diverse culture, parlato con persone di lingue diverse. In mezzo a chi non aveva niente ho imparato il valore della sostanza, in mezzo a chi aveva tutto quello dell’apparenza. Viaggiare significa esplorare, scoprire, imparare ed è per questo che mi ritengo fortunato. Mio padre intraprese il suo primo viaggio all’età di 19 anni, attribuendogli un valore importantissimo. Questo perché, vivendo una vita di stenti, in cui nulla veniva dato per scontato, anche solo la possibilità di allontanarsi seppur di poco dalla propria casa per intraprendere un viaggio, per lui significava tanto.

delprete4Mia madre è sempre stata una viaggiatrice, sin da piccola, con i suoi genitori, andava in giro per il mondo. E’ forse per questo motivo, che nel corso del tempo, i miei genitori hanno continuato a viaggiare insieme e a visitare posti meravigliosi, trasmettendo questa grande passione anche a me e alle mie sorelle.

La prossima foto illustra forse il primo viaggio dei miei genitori da fidanzati. Fu uno dei tanti viaggi che fecero con i loro amici e anche attraverso i tanti racconti di mio padre ho sempre captato in loro la voglia di avventura e divertimento.

delprete2

Erano dei ragazzi alla scoperta del mondo, che pur avendo poco a disposizione, ogni qualvolta ne avevano la possibilità, organizzavano delle piccole avventure in qualsiasi posto. Trovo che la foto successivamente sia particolarmente bella. I miei genitori hanno colto con amore un momento di vita in Africa, ritraendo due madri nel deserto con i loro bambini.

delprete3

Dopo il loro fidanzamento, i miei genitori si sposarono ed ebbero rispettivamente mia sorella Francesca, Barbara ed infine io.

Nonostante fossimo molto piccoli, i miei genitori ci hanno sempre portato con loro in giro per il mondo.

Nella foto che segue sono rappresentate le mie sorelle su un volo della compagnia aerea “Emirates” in volo per Dubai.

delprete5

Pur non ricordandomi di quel favoloso viaggio, che ho avuto poi la fortuna di rifare, le mie sorelle mi hanno raccontato tantissime cose e fatto rivivere con loro quell’esperienza. Dei tanti racconti ce n’è uno in particolare che mi ha colpito e che voglio condividere con voi!  I miei genitori volevano avere il piacere di cenare nel famoso Burj Khalifa, l’edificio più alto al mondo, famoso per la sua grandezza ed eleganza, ma non essendo consentito l’ingresso ai bambini,  decisero di lasciarci con una babysitter filippina che non capiva l’italiano.  Le mie sorelle mi hanno raccontato che è stata un’esperienza fantastica, ma anche molto particolare e bizzarra, trascorrere tanto tempo con una persona che non comprendeva la nostra lingua. Il loro unico desiderio era quello di andare a cena e non sapevano come spiegarlo!

Negli anni abbiamo continuato a viaggiare sempre di più ed essendo noi più grandi abbiamo cominciato a raggiungere mete più lontane e più ambite.

Siamo stati recentemente in Madagascar, Giappone ed in Cina come si può vedere in queste foto, dove io e la mia famiglia siamo immortalati sulla grande muraglia cinese.

Grazie a questo progetto ho avuto modo di rivivere tutte le esperienze della mia famiglia, dalla gioventù dei miei genitori fino ad oggi. Viaggiare dovrebbe essere un diritto di ogni essere umano, perché viaggiare significa conoscere, confrontarsi, essere liberi. Ogni viaggio che ho fatto mi ha lasciato qualcosa, ho avuto la possibilità di vivere mille vite in una, ho sospeso il giudizio, azzerato le aspettative e non sono mai rimasto deluso.

delprete6

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...